Seleziona Pagina

Vendite Samsung S20 inferiori alla media

Vendite Samsung S20 inferiori alla media

Vendite Samsung Galaxy S20 inferiori alle stime, Samsung incolpa il virus

Coronavirus, Galaxy S20: Samsung li fa provare a casa

Ogni anno vengono lanciati nuovi smartphone di punta, più ricchi di funzionalità e più costosi dei loro predecessori. A prima vista, le vendite iniziali molto scarse del Galaxy S20 e per questo Samsung ha deciso che chi ha effettuato l’acquisto in prevendita dei dispositivi potrà riceverlo in anticipo di una settimana. L’azienda Coreana ha trovato un colpevole: il virus COVID-19. All’inizio del 2018, la serie Galaxy S10 avrebbe venduto 140.000 unità il primo giorno. Il Galaxy Note 10 ha venduto quasi il doppio, raggiungendo i 220.000 nel suo mese di lancio. In netto contrasto, Samsung ha apparentemente venduto solo 70.800 unità Galaxy S20 nel proprio mercato interno.

Potrebbe essere troppo facile concludere rapidamente che il Galaxy S20 è un flop. Samsung ha decisamente cambiato molte cose, in particolare il design, per concentrarsi sulle nuove tecnologie per fotocamere. In effetti, ci sono stati alcune criticità sulle prestazioni della fotocamera, in particolare con la fotocamera con zoom 100x, in revisione e nelle prime unità. Samsung si è impegnata pubblicamente a risolvere tali problemi nei futuri aggiornamenti software.

Il forte calo delle vendite, tuttavia, indica uno scenario molto diverso. Secondo i rapporti della Corea del Sud, il motivo delle vendite in ribasso è stato principalmente dovuto al basso volume di visitatori nei negozi a causa dell’epidemia di coronavirus.  Le basse vendite iniziali del Galaxy S20 danneggeranno sicuramente la linea di fondo di Samsung, ma è troppo presto per contarlo. Deve ancora lanciare il Galaxy S20 in altri mercati in cui le condizioni COVID-19 non sono così male, per non parlare delle vendite online dei dispositivi. La questione, tuttavia, dovrebbe mettere in guardia i consumatori che la produzione e le vendite in tutto il mondo avranno probabilmente un effetto negativo a causa dello scoppio del coronavirus.

Circa l'autore

Lorenzo Vignati

Ciao! Sono Lorenzo Vignati. Sono nato nel 1994 a Busto Arsizio (VA) . La mia passione principale è il mondo della tecnologia. Fin dall’infanzia ho avuto un debole per questi “attrezzi” luminosi e con gli schermi. Ho cominciato a diventare autodidatta imparando da solo a creare e gestire dei siti web personali. A tutt’oggi mi piace tenermi aggiornato sull’hi-tech

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This